DIESEL TECNICAMENTE OK-…MA POLITICAMENTE SCORRETTO

Scritto da admin
Nella categoria: Inchieste
Data: 18 Giugno 2019

Da un punto di vista tecnico i blocchi del traffico concentrati in poche giornate all’anno servono a niente.
Bloccare i diesel è solo una scelta politica
Oggi un diesel Euro 6d-TEMP è pulito quanto un benzina e sicuramente molto più dei benzina e dei diesel che hanno cinque, dieci o anche quindici anni che circolano sulle nostre strade. Fermare questa tecnologia rispetto ad altre quindi non ha senso ed è un atto di concorrenza politica.
Da un punto di vista tecnico i blocchi del traffico concentrati in poche giornate all’anno servono a niente.
Bloccare i diesel è solo una scelta politica Oggi un diesel Euro 6d-TEMP è pulito quanto un benzina e sicuramente molto più dei benzina e dei diesel che hanno cinque, dieci o anche quindici anni che circolano sulle nostre strade. Fermare questa tecnologia rispetto ad altre quindi non ha senso ed è un atto di concorrenza politica.
Volkmar Denner, numero uno della Robert Bosch , la multinazionale tedesca, dichiara : ‘il motore a gasolio ha di fronte a sé un lungo futuro’

“Abbiamo la tecnologia per risolvere il problema degli  ossidi di azoto, il diesel può riprendere la sua storia di successi” afferma presentando un pacchetto di soluzioni “low cost” in grado di abbattere l’emissione dei famigerati NOx – quelli al centro dello scandalo dieselgate – sotto i 13 milligrammi al chilometro, quando il limite attuale nella prova Rde (real drive emission) è di 168 mg/km, e diventerà 120 nel 2020.
“Non sono i motori a combustione a essere diventati obsoleti, ma piuttosto il dibattito sulla loro imminente dismissione”, dice Denner, che pronostica un brillante futuro per i motori a gasolio, almeno sulle auto medio-grandi.
L’appello del numero uno della multinazionale tedesca è all’approccio “pragmatico e non ideologico o politico” di chi si occupa della qualità dell’aria nelle città, ovvero le amministrazioni comunali. I motori a gasolio emettono, a parità di prestazioni, meno CO2 rispetto a quelli a benzina, e i più moderni – oggi sono in vendita gli Euro 6d – hanno già eliminato il problema dell’immissione in atmosfera di particolato grazie agli specifici filtri. “Il problema principale dei diesel, oggi, è quello delle emissioni di ossidi di azoto NOx. La sfida è rispettare i limiti imposti dall’Europa
L’appello del numero uno della multinazionale tedesca è all’approccio “pragmatico e non ideologico” di chi si occupa della qualità dell’aria nelle città, ovvero le amministrazioni comunali. Oggi sono in vendita gli Euro 6d – hanno già eliminato il problema dell’immissione in atmosfera di particolato grazie agli specifici filtri. “Il problema principale dei diesel, oggi, è quello delle emissioni di ossidi di azoto NOx. La sfida è rispettare i limiti imposti dall’Europa non solo in laboratorio, ma sulle strade. È a questo che hanno lavorato per quattro anni i nostri ingegneri”.

Un’auto ottimizzata per la riduzione degli NOx
Per fare toccare con mano i progressi tecnologici nell’abbattimento degli NOx, i tecnici tedeschi hanno predisposto alcune vetture di prova. Anche se a prima vista sembrano normali Volkswagen Golf GTD, del motore è rimasto solo il basamento: la cilindrata è passata da 2.0 a 1.7 litri, la potenza da 135 a 110 kW (150 CV), il sistema di scarico è stato ottimizzato. Nella trasformazione sono stati utilizzati pezzi già sul mercato, non è stato aggiunto alcune componente e dunque nessun costo accessorio rispetto a un attuale diesel con filtro antiparticolato e catalizzatore SCR per gli NOx: il “segreto” è stato progettare l’impianto di scarico posizionando il sistema di trattamento SCR appena oltre il collettore, dove il motore garantisce un maggior riscaldamento e dunque funzionamento più efficace.

I risultati nei test? Anche nel caso di guida “nervosa”, nel test cittadino le emissioni di NOx si sono sempre attestate sotto gli 80 mg/km, con una media inferiore ai 40 e una distribuzione molto simile a quelli effettuati in varie condizioni. A questo punto pare credibile che nel test completo Rde (che per regolamento deve durare fra i 90 e i 120 minuti, ed essere composto solo per un terzo da ciclo urbano) si sia attestata sui 13 mg/km. “Un decimo di quanto ammesso per legge”.

Tags: ,

I commenti sono chiusi.